lunedì 13 dicembre 2010

Zuppa alla Santè (parentesi molisana)


Avete sentito la nostra mancanza?!! In realtà mancava il mio braccio destro, mia figlia che mi aiuta a postare. Infatti era in Molise con il papà, il quale ha appunto origini molisane...
In ricordo di questa mini vacanza e soprattutto delle sue origini, oggi vi proponiamo un' ottima ricetta agnonese, tipica delle feste natalizie, ma che a noi piace preparare anche durante le normali e fredde serate d'inverno.
Si tratta della " ZUPPA alla SANTE' "...Un'antica leggenda fa risalire la sua origine alla fantasia di un cuoco, che con i pochi ingredienti che aveva a disposizione, creò questa pietanza in onore di una Regina Francese soggiornante per alcuni giorni ad Agnone; ecco perchè la zuppa divenne ben presto un piatto prestigioso e tipico natalizio.

INGREDIENTI
Per il brodo:
  • Gallina ruspante da un chilo e 500 grammi; 
  • acqua, prezzemolo, sale.
Per i crostini:
  • 10 fette di pane casereccio;
  • 6 uova intere.
Per le polpettine di carne:
  • 300 grammi di carne macinata di vitello; 
  • un uovo;
  • 2 cucchiai di parmigiano;
  • sale.
Per le polpettine di caciocavallo:
  • 150 grammi di caciocavallo stagionato grattugiato; 
  • un uovo intero; un cucchiaio di farina;
  • 1 cucchiaio di parmigiano reggiano;
  • 250 grammi di caciocavallo stagionato (da inserire nella zuppa).
PROCEDIMENTO:
Preparare il brodo facendo bollire la gallina lentamente per 3 o 4 ore, aggiungendo solo il prezzemolo e il sale. Bagnare le fette di pane nell'uovo sbattuto, abbrustolirle al forno o sulla brace e tagliarle a cubetti piccoli. Alla carne macinata unire un uovo, il sale e due cucchiai di formaggio; mischiare bene a formare tante palline piccole e uniformi, da cuocere a parte in un po' di brodo che poi verrà eliminato: appena cotte scolarle. Lavorare il caciocavallo grattugiato con un uovo, un cucchiaio di formaggio parmigiano e uno di farina. Formare delle palline col formaggio e cucinarle in brodo bollente, come fatto per le polpettine di carne. Tagliare il caciocavallo molto stagionato a pezzettini e se si preferisce a scaglie sottili. Dopo aver preparato tutto accuratamente, in una zuppiera sistemare a strati: il pane, le polpettine di carne e quella di formaggio, il caciocavallo a pezzetti. Versare il brodo bollente e lasciare riposare per qualche minuto. Avere cura di servire tutti gli ingredienti attingendo con il mestolo, dal fondo della zuppiera, evitando di girare.




Quella che vedete in foto ce l'ha preparata la Nonna Maria, durante la sua vacanza veneziana...grazie allora a  Maria...e lunga vita alla cuoca!

12 commenti:

  1. ...Ricetta molto interessante! che io non conoscevo!
    Buona settimana!
    Barbara

    RispondiElimina
  2. Una zuppa molto invitante, da piatto unico direi, corroborante e profumatissima! Brave ragazze, un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Barbara,grazie e buona settimana a te.....

    RispondiElimina
  4. Speedy 70,grazie molte....buona settimana!!!!!

    RispondiElimina
  5. anche da noi si fa' ma in modo diverso,buona con questo freddo di oggi!

    RispondiElimina
  6. Si,Marsettina è vero si mangerebbe volentieri....grazie molte ,a presto

    RispondiElimina
  7. Non conosco la vostra zuppa! Mi piacciono questi post, dove scopri nuove tradizioni e piatti tipici... dev'essere buonissima
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Marifra,grazie....a noi piace molto,siamo contente di farla conoscere...baci,a presto

    RispondiElimina
  9. Che meraviglia di ricetta, ciao

    RispondiElimina
  10. Ma che bella zuppa di pane!! Non conoscevo questa ricetta, davvero molto interessante!
    Che belle queste ricette della tradizione!

    RispondiElimina
  11. Una ricetta favolosa!!! Me l'appunto per i prossimi giorni di festa :-) Brave, ragazze!

    RispondiElimina
  12. ciao care complimenti per il blog , grazie di essere passate da me è sembre un piacere fare nuove conoscenze in fondo più siamo meglio stiamo.vi seguo cosi non ci perdiamo di vista.
    p.s. non so chi delle due si fa aiutare dalla figlia a postare le ricette cmq vi do un consiglio ,provate da sole non è poi cosi difficile e se ci sono riuscita io ci può riuscire chiunque.baciotti dorris

    RispondiElimina